Comune di Stella Cilento » Gestione Rifiuti

Gestione Rifiuti

DIFF

Cos'è la raccolta differenziata

 

La raccolta differenziata si ottiene dalla separazione dei rifiuti effettuata da chi li produce, in casa, a scuola, negli uffici, nei negozi, nelle industrie e depositata negli appositi contenitori (sacchi, bidoni, cassonetti e campane), o conferiti nelle isole ecologiche, perchè possano venire recuperati e riciclati. E' l'operazione che permette di separare i rifiuti suddividendo quelli da smaltire da quelli che invece si possono recuperare, riciclare o reimpiegare. Per raccolta differenziata si intende un sistema di raccolta dei rifiuti urbani per ogni tipologia di rifiuto (carta, plastica, vetro, alluminio, legno, umido etc..).

Fare la raccolta differenziata significa ridurre notevolmente la massa dei rifiuti da smaltire e frenare lo sfruttamento di preziose risorse naturali. Riusare e riutilizzare i rifiuti contribuisce a restituirci e conservare un ambiente naturale più ricco.

La raccolta differenziata è un grande risparmio di energia.

Gettare via qualcosa significa, infatti, gettar via anche l’energia consumata per produrla. Inoltre, produrre oggetti con materiali di recupero richiede meno energia che produrli utilizzando materie prime.

 

La definizione di raccolta differenziata


A livello nazionale, il D. Lgs.152/06, l'art. 183, comma 1, lettera f, indica: la raccolta differenziata è "la raccolta idonea, secondo criteri di economicità, efficacia, trasparenza ed efficienza, a raggruppare i rifiuti urbani in frazioni merceologiche omogenee, al momento della raccolta o, per la frazione organica umida, anche al momento del trattamento, nonchè a raggruppare i rifiuti di imballaggio separatamente dagli altri rifiuti urbani, a condizione che tutti i rifiuti sopra indicati siano effettivamente destinati al recupero".

 

Come produrre meno rifiuti?

 

Ogni anno in Italia vengono prodotti da ognuno di noi oltre 540 kg di rifiuti urbani, e raccogliere e smaltire un kg di rifiuti può costare alla collettività fino a 25 centesimi per kg.

Ridurre la quantità di rifiuti che produciamo è una necessità e deve diventare un impegno per tutti.

Non è così difficile, basta seguire alcuni accorgimenti:

 

Quando si fa la spesa…Al momento di scegliere i prodotti, fai attenzione alle confezioni:  

  • dai preferenza agli imballaggi semplici e ridotti
  • compra prodotti concentrati
  • scegli merci fabbricate con materiali riciclati
  • cegli contenitori con il vuoto a rendere, pile ricaricabili e imballaggi recuperabili
  •  compra formati famiglia e non monodose
  • usa le ricariche dei detersivi e compra i prodotti sfusi
  • evita di comprare le stoviglie usa e getta che non si possono riciclare
  • vai a fare la spesa con una borsa di stoffa

 

 

 

I risparmi della raccolta differenziata

 

La raccolta differenziata è il modo migliore per preservare e mantenere le risorse naturali, a vantaggio nostro e delle generazioni future: riusare e riutilizzare i rifiuti, contribuisce a restituirci e conservare un ambiente “naturalmente” più ricco.

Infatti, ogni nostra azione, anche la più comune, produce rifiuti. Per esempio, leggere un giornale, cucinare un piatto di pasta, bere acqua o una bibita, lavare indumenti, utilizzare cosmetici, non sarebbe nulla, se non considerassimo che ogni giorno vengono stampate un sacco di pagine, prodotte migliaia di scatole di pasta, costruite milioni di bottiglie in plastica o lattine in alluminio.
In parole povere, milioni di alberi abbattuti, milioni di litri di petrolio consumati, milioni di kg di CO2 immessi nell’atmosfera: con la raccolta differenziata, invece, tutte queste risorse possono essere risparmiate.

 

 Differenziare la plastica 

Con il recupero di 1.000 tonnellate di plastica (ossia la quantità di plastica prodotta da un quartiere di Napoli) si ottiene il risparmio di circa 3.500 tonnellate di petrolio, cioè l’equivalente dell'energia usata da 20.000 frigoriferi in un anno.

Differenziare la carta

Per produrre una tonnellata di carta vergine, servono 440.000 litri d’acqua e 7.600 kwh di energia elettrica. Per produrre invece una tonnellata di carta riciclata bastano 1.800 litri d’acqua e 2.700 kwh di energia elettrica.

Differenziare il vetro

Nella produzione di vetro “nuovo”, per ogni 10% di rottame di vetro inserito nei forni si ottiene un risparmio del 2,55% di energia, equivalente ad oltre 130 litri di petrolio risparmiato per ogni tonnellata di vetro riciclato usato.

Si stima che l’industria vetraria registri ogni anno un risparmio energetico, grazie alla raccolta differenziata, pari a 400.000 tonnellate di petrolio.

Differenziare il rifiuto verde (ramaglie)

Gli scarti provenienti dalla cura delle aree verdi e dei nostri giardini (foglie, erba, residui floreali, ramaglie, potature), costituiscono una parte consistente dei rifiuti prodotti e sono fondamentali per il processo di compostaggio industriale.

Ne sono sufficienti 10 tonnellate per fertilizzare un ettaro di terreno.

Differenziare l'alluminio

Per produrre 1 kg di alluminio, occorrono circa 15 kwh di energia elettrica ed un impianto di estrazione di bauxite.

Per produrre 1 kg di alluminio da materiale riciclato, occorrono invece 0,8 kwh di energia e, soprattutto, nessun impianto di estrazione di bauxite, assente nel nostro paese.

Differenziare un vecchio frigorifero 

Frigoriferi e congelatori sono costituiti per lo più da acciaio e plastica ma contengono anche sostanze chiamate clorofluorocarburi (CFC), responsabili dei danni all’ozono atmosferico.
Si stima che ogni frigo contenga in media 250 grammi di CFC vari (freon, poliuretano), oltre all’olio minerale altamente dannoso contenuto nel motore dell’impianto refrigerante.

Differenziare l'olio minerale

L’olio minerale usato (olii lubrificanti nell’artigianato, negli autoveicoli, nell'industria, ecc.) è per la quasi totalità recuperabile.

Da 100 kg di olio usato si ottengono 68 kg di olio nuovo.

Differenziare i pneumatici

In Italia è stato calcolato che il 65% dei pneumatici finisce nelle discariche.
La gomma è un combustibile e, quando nella discarica avvengono combustioni non controllate, si liberano, soprattutto a causa dei pneumatici, fumi densi molto inquinanti.
Il recupero dei pneumatici usati avviene, per esempio, con la triturazione:
alla temperatura di 100° sotto zero raggiunta tramite l’impiego di azoto liquido, la triturazione meccanica diventa semplice e la successiva separazione automatica dei vari componenti assicura un riciclo pressochè totale dei materiali, che vengono utilizzati come sottostrati anti-rumore per strade ed autostrade, piste da corsa e campi sportivi, ecc.

 

RECUPERO DEI MATERIALI

 Il sistema del riciclo dei materiali da imballaggio trasforma i rifiuti in una ricchezza per l’industria e per l’economia in generale. Al tempo stesso, rappresenta una opportunità per ridurre i consumi energetici e le emissioni di gas serra (la trasformazione delle materie prime naturali è, infatti, più inquinante e più dispendiosa del riciclo, dal punto di vista energetico).
Per assicurare il riciclo degli imballaggi, in Italia è operativo un sistema costituito da sei Consorzi “di filiera”, uno per ciascuna tipologia di materiale (carta e cartone, plastica, vetro, legno, alluminio e acciaio) e dal CONAI (Consorzio Nazionale Imballaggi) con funzioni di garanzia e coordinamento.
Insieme questi Consorzi devono garantire il raggiungimento degli obiettivi di recupero e riciclo previsti dalla normativa.

 

CONAI (CONSORZIO NAZIONALE IMBALLAGGI) è il consorzio privato senza fini di lucro costituito dai produttori e utilizzatori di imballaggi con la finalità di perseguire gli obiettivi di recupero e riciclo dei materiali di imballaggio previsti dalla legislazione europea   e nazionale ( Dlgs. 152/06). Conai è la punta di un sistema piramidale, sotto il quale ci sono i consorzi di filiera. Al terzo livello della piramide si collocano le imprese della raccolta, che dialogano con i consorzi e che attraverso i consorzi collocano il materiale che poi va a finire all’ultimo livello della piramide che sono le industrie del riciclo, cioè quelle imprese che utilizzano i rifiuti a fine vita per trasformarli in altri beni e manufatti.

 

CICLO DELLA CARTA

 Comieco è il Consorzio Nazionale Recupero e Riciclo degli Imballaggi a base Cellulosica. La sua finalità è il riciclo e il recupero degli imballaggi di origine cellulosica. I Consorziati di Comieco sono produttori, importatori e trasformatori di materiale e di imballaggi cellulosici.
Comieco stipula con le Amministrazioni locali convenzioni per la raccolta differenziata, e gestisce il sistema della raccolta e dell’avvio a riciclo dei rifiuti di carta e cartone provenienti dalla raccolta comunale. Comieco riconosce alle amministrazioni pubbliche un corrispettivo per la raccolta differenziata del materiale cellulosico.

Il 90% della carta e cartone che usiamo sono realizzate con materiale riciclato, il 10% proviene dalla fibra vergine.

CARTOTECNICHE: nelle cartotecniche carta, cartone e cartoncino vengono lavorati e trasformati in scatole e altri oggetti.Gli imballaggi cellulosici sono immessi sul mercato ed acquistati dagli utilizzatori.Ogni italiano consuma circa 76 kg di carta al giorno e ne avvia al riciclo 40 kg.
Il Comune o il gestore del servizio si occupa della raccolta della carta e del trasporto della cosiddetta carta da macero alle piattaforme di selezione.

LA PIATTAFORMA DI SELEZIONE: è il luogo in cui gli operatori eliminano il materiale estraneo e suddividono per tipologia la carta che viene pressata e legata in balle e trasferita alle cartiere.

Nelle CARTIERE si ricicla il macero proveniente da raccolta differenziata.

Il COMIECO garantisce il riciclo stipulando convenzioni con i Comuni o i soggetti appaltatori:riconosce alle amministrazioni pubbliche un corrispettivo per la raccolta differenziata del materiale cellulosico.

 

 

CICLO DEL VETRO


Coreve
 è il consorzio senza fini di lucro cha ha per scopo il raggiungimento degli obiettivi di riciclo recupero dei rifiuti di imballaggio in vetro prodotti sul territorio nazionale.

In Italia, una bottiglia su due viene prodotta utilizzando esclusivamente vetro recuperato di provenienza nazionale.

Il VETRO è oggi uno degli imballaggi più utilizzati per le sue molteplici qualità.

La RACCOLTA viene effettuata attraverso l’utilizzo delle campane verde, di capacità pari a 2 o 3 metri cubi, dislocate in vari punti della città e attraverso i cui fori calibrati passano le bottiglie vuote. E’ il sistema più conosciuto e diffuso per la raccolta differenziata del vetro.

SELEZIONE: il vetro raccolto deve essere sottoposto un’operazione di selezione presso un impianto di trattamento specializzato. Qui il rottame vetroso proveniente dalle campane viene scelto, pulito e reso idoneo alla fusione in vetreria.

VETRERIA: Le materie prime e il rottame di vetro trattato e selezionato vengono trasportati nell’impianto di produzione (vetreria) per la fusione nel forno.

Quindi, invio della massa vetrosa alle macchine dove, tramite soffiatura negli appositi stampi, il materiale è trasformato in un nuovo contenitore.

Dallo stampo finitore le bottiglie passano nel forno di ricottura, per essere poi sottoposte a un attento controllo qualitativo prima del confezionamento.


 

stellacomune

Comune di Stella Cilento (SA)
 Via Madonna di Fatima
Tel. 0974.909078 
Fax 0974.909900

 

a cura dell'assessorato allo sviluppo tecnologico 
 

HTML 4.01 Strict Valid CSS
Pagina caricata in : 0.171 secondi
Powered by Asmenet Campania